Vino online, il boom dei vitigni autoctoni

Ci sono vini molto ricercati sul web, tra questi spiccano quelli dei vitigni autoctoni tra cui primeggiano la Ribolla Gialla, seguita dall’Aglianico, dal Lagrein e dal Verdicchio.
L’Italia, con oltre 400 vitigni autoctoni, è il primo Paese al mondo per varietà proposta: una buona notizia sia dal punto di vista della biodiversità sia dal punto di vista economico, considerando che attraggono l’interesse di migliaia di appassionati.

Ribolla e Tazzelenghe in Friuli Venezia Giulia, Enantio in Alto Adige, Lumassina in Liguria, Moradella in Lombardia Albana e Sangiovese in Emilia, Aglianico e Fiano in Campania, Montepulciano e Pecorino in Abruzzo, Sangiovese in Toscana, Bellone del Lazio, Albanello in Sicilia e Cagnulari in Sardegna sono solo alcuni dei vitigni autoctoni italiani, che negli ultimi anni si sta cercando di valorizzare e far conoscere a un pubblico sempre più vasto.

Ma quali sono i vitigni autoctoni più ricercati in rete? In base a una ricerca effettuata utilizzando Google Trends e Ubersuggest emerge che la Ribolla Gialla, ad esempio, storico vitigno autoctono legato al territorio del Friuli-Venezia Giulia – in particolare alle province di Gorizia e Udine – nell’ultimo anno ha registrato quasi 10mila ricerche in media al mese. L’Aglianico, varietà del Sud Italia, che dà origine a vini come il Taurasi in Campania o l’Aglianico del Vulture in Basilicata, registra sempre negli ultimi 12 mesi 5.400 ricerche medie mensili. Seguono: il Lagrein dell’Alto-Adige, che si attesta sulle 4.500 ricerche medie al mese; il Verdicchio delle Marche, il laziale Cesanese, il Primitivo di Manduria in Puglia e il sardo Cannonau.

Per rafforzare il comparto del vino online, che gode di buona salute, bisognerebbe anche far conoscere di più i vitigni autoctoni, visto che l’interesse c’è. Tra l’altro, tutto il vino italiano è popolare sul web: ad esempio, le ricerche registrate dal portale “Wine-Searcher” – punto di riferimento tra i più visitati da chi compra vino online – confermano il momento roseo delle produzioni enoiche tricolori, con uno share del 16,44% a livello globale.
Vi ricordiamo che noi di Hermes Italia siamo attivi anche nelle consegne del vino, proveniente da ottime cantine nazionali.

Continuate a seguirci, lo staff di Hermes Italia!