Ultimo miglio, le soluzioni futuristiche che danno da pensare

Tutto si evolve, cambia, si trasforma, migliora col tempo. Le consegne dei pacchi non sono immuni all’avanzare del futuro.
Come saranno a medio o lungo temine? Di sicuro più tecnologiche, non a caso varie aziende hanno iniziato a progettare soluzioni più o meno praticabili.

Tra le ultime trovate spicca quella del cane-robot che diventa postino; un’azienda tedesca ha presentato al Consumer electronic show di Las Vegas, un sistema di delivery basato su veicoli a guida autonoma e robot dalle sembianze canine. A portare i colli a destinazione saranno veicoli a guida autonoma capaci di trasportare uno o più robot postini così da gestire gli ultimi metri nella catena logistica di consegne di articoli e pacchi. L’obiettivo sarebbe arrivare a un sistema di consegne del tutto automatizzato e questi cani robot dovrebbero essere in grado di aprire porte, salire le scale, raggiungere la porta del destinatario della consegna, suonare il campanello e infine consegnare il pacco fissato alla sua schiena.

In attesa di capire se la robotica entrerà nel settore delle consegne a domicilio, ci sono degli aggiornamenti sul fronte droni.
Il Wall Street Journal evidenzia delle problematiche: il rumore è molesto. Che fosse previsto o no, questo è un limite non di poco conto. A Bonython, in Australia, sono in corso degli esperimenti quotidiani per l’utilizzo di droni nelle consegne di alcuni prodotti e gli abitanti stanno sollevando polemiche perché gli apparecchi fanno rumore quando sono in attività. I problemi riguarderebbero anche gli amici a quattro zampe, considerando che i rumori dei droni spaventerebbero i cani tanto da spingere i loro padroni a non frequentare un’associazione cinofila situata nei pressi dell’area in cui è in corso il test.
I droni, nelle intenzioni delle aziende che ci stanno scommettendo, sono destinati a rivoluzionare il mondo delle consegne, velocizzandone i tempi e riducendone i costi. Ma al momento stanno dividendo i cittadini di Bonython, dove si stanno svolgendo gli esperimenti.

Continuate a seguirci, lo staff di Hermes Italia