Consumo vini, bene quelli naturali

I vini naturali, biologici e biodinamici piacciono sempre più e la fetta di mercato si allarga. Sono soprattutto le donne che sperimentano queste proposte enologiche, cui seguono i Millennial che, in linea con le moderne tendenze di consumo consapevole, hanno una predilezione per i vini macerati e naturali. I trend emergono da uno studio di Tannico in occasione della fiera internazionale Vinitaly 2019,che si svolgerà a Verona.

A prediligere i vini orientati al naturale non sembra incidere il reddito, considerando che sono sia i clienti con reddito basso (< 12k euro) sia molto alto (> 42k euro) ad avere aumentato i consumi, con gli acquisti dei primi saliti del +3,2% e quelli dei secondi a +6,35% rispetto a 4 anni fa.

Tra i vini oggetto dalla ricerca troviamo: i vini biodinamici certificati e prodotti da aziende vinicole autonome dal punto di vista energetico, in sintonia con l’ambiente e le fasi lunari; i vini naturali, cioè con coltivazione delle vigne senza l’uso di fertilizzanti, diserbanti o concimi e con un contenuto di solfiti basso o nullo; i vini vegani, che non hanno ingredienti, additivi o coadiuvanti di origine animale; i vini macerati, che nascono da uve bianche ma tenendo le bucce a contatto con il mosto per periodi variabili; vini eroici, legati a coltivazioni in luoghi particolari, dove clima, pendenza e altitudine sono sfidanti.

Per quanto riguarda la provenienza geografica dei vini acquistati, vengono dall’Italia il 66% dei biodinamici venduti e il 60% dei vini derivati da viticoltura eroica. Sul fronte vegan, si prediligono etichette straniere: col 67%, mentre si registra una sostanziale parità, tra Italia ed estero, per i vini naturali e macerati.

Siamo attivi anche nelle consegne enologiche, qui trovate le cantine che serviamo. Continuate a seguirci, lo staff di Hermes Italia